I’m Ior

Ne ha parlato e scritto Gianluigi Nuzzi in Vaticano SpA, ora tocca alla magistratura indagare sui movimenti sospetti sui conti dell’Istituto per le Opere Religiose (per gli amici Ior). Ma l’Osservatore Romano si scopre costaricano e scrive:

Lo Ior non può considerarsi una banca nell’accezione corrente, amministra i beni di istituzioni cattoliche a livello internazionale ed, essendo ubicato nello Stato di Città del Vaticano, è al di fuori della giurisdizione delle diverse banche nazionali.

Anche se fiscale è pur sempre un Paradiso

Vaticano SpA

“Lo Ior ha funzionato come una banca nella banca. Una vera e propria lavanderia nel centro di Roma, utilizzata anche dalla mafia e per spregiudicate avventure politiche. Un paradiso fiscale che non risponde ad alcuna legislazione diversa da quella dello Stato del Vaticano.
Tutto in nome di Dio”.

da “Vaticano SpA” di Gianluigi Nuzzi