Repetita iuvant

Da uno studio condotto dai ricercatori dell’università di Cambridge e pubblicato dal Journal of Neuroscience si è scoperto che per imparare nuove parole è sufficiente ripeterle 160 volte.

Berlusconi malandrino, Berlusconi malandrino, Berlusconi malandrino, Berlusconi malandrino, Berlusconi malandrino, Berlusconi malandrino, Berlusconi malandrino, Berlusconi malandrino, Berlusconi malandrino, Berlusconi malandrino, Berlusconi malandrino…

A questo punto andate avanti voi… bastano quattordici minuti, e magari provate a suggerirlo a qualche vostro amico che guarda solo Studio Aperto.

Cmoe i coavli a mrednea

Sneocdo uno sdtiuo dlel’Untisverià di Cadmbrige, non irmptoa cmoe snoo sctrite le plaroe, tutte le letetre posnsoo esesre al pstoo sbgalaito, è ipmtortane sloo che la prmia e l’umltia letrtea saino al ptoso gtsiuo, il rteso non ctona.
Il cerlvelo è comquune semrpe in gdrao di decraifre tttuo qtueso coas, pcheré non lgege ongi silngoa ltetrea, ma lgege la palroa nel suo insmiee… vstio?

Beppe Grillo = Silvio Berlusconi

Beppe Grillo viene contestato, minimizza, accusa la stampa di regime, poi pubblica un video casareccio nel quale viene osannato dalla folla che lo saluta agitando mouse wireless.

Un pò come fa Berlusconi.

Come ti collaudo la legge elettorale

Alla fine bastava un buon meccanico

NEL MENTRE

  • – Brunetta installa tornelli a destra e a manca ma non in parlamento.
  • – La Gelmini conferma di averla comprata… la laurea.

Si sta come d’autunno, sugli alberi, le foglie

Da oggi lo studio non è più un diritto.

Francesco Cossiga dixit

“Maroni dovrebbe fare quel che feci io quand’ero ministro dell’Interni (…). Gli universitari? Lasciarli fare. Ritirare le forze di polizia dalle strade e dalle università, infiltrare il movimento con agenti provocatori pronti a tutto, e lasciare che per una decina di giorni i manifestanti devastino i negozi, diano fuoco alle macchine e mettano a ferro e fuoco le città. Dopo di che, forti del consenso popolare, il suono delle sirene delle ambulanze dovrà sovrastare quello delle auto di polizia e carabinieri. Le forze dell’ordine dovrebbero massacrare i manifestanti senza pietà e mandarli tutti in ospedale. Non arrestarli, che tanto poi i magistrati li rimetterebbero subito in libertà, ma picchiarli a sangue e picchiare a sangue anche quei docenti che li fomentano. Non quelli anziani, certo, ma le maestre ragazzine sì”.

da “Quotidiano nazionale” del 23 ottobre 2008.

via Piovono Rane e Macchianera.

Polizia a scuola

Fossi Berlusconi ci manderei anche i Carabinieri.
… tra una manganellata e l’altra potrebbero ripassare un poco di grammatica. (Fonte un Correttore di Bozze dell’Arma)

Figli di una compressione maggiore

Ecco l’erede dell’mp3.

Oves et boves

Uno studio dell’Università di Leeds ha evidenziato che:
Quando si trovano in mezzo alla folla, le persone tendono a comportarsi come le pecore, ovvero a seguire ciecamente colui o coloro (al massimo si tratta di due individui) che sembrano sapere esattamente dove stanno andando (anche se magari non è affatto vero).

veltroni-e-berlusconi.jpg

Benny Hill alla Sapienza

La solita saccente e sofisticata intellighenzia di sinistra!
Non capisco perchè impedire l’esibizione di Benny Hill alla Sapienza.
Sarà un umorismo superficiale e datato (e sessista per alcune!) ma i suoi sketch, anche a distanza di anni, sono sempre esilaranti.

PS: grazie a Lorenzo per lo spunto.