Ci basta un morto ogni tanto

Oh!!! Comunque hanno ammazzato Gheddafi, quello cattivo a tempi alterni, quello del campeggio a prescindere.  Lo hanno ammazzato con una pistola placcata d’oro, hanno pure mandato in onda le immagini del suo corpo “al sangue” su tutti i tiggì premettendo che “le immagini trasmesse potrebbero turbare la vostra sensibilità“.

Fondamentalmente non cambierà nulla, ma avrete un buon motivo per fare qualche rata e comprare un televisore HD 32 pollici con digitale terrestre incorporato.

PS: mi sparassero con una pistola placcata d’oro morirei lo stesso, ma con meno tristezza dentro.

Annunci

Processi al viagra, tende, revisionismo e botte

Un Agosto difficile e vita intensa…

Si è partiti il 17 con la riabilitazione storica di un personaggio ambiguo come il Presidente Emerito Francesco “il picconatoreCossiga, uno che sapeva tutto ma non ha mai detto niente. Ora Cossiga è morto ed è diventato quasi un santo, quasi un comunista, quasi un illuminato.

Poi la visita del leader libico Gheddafi, compagno di sbronze di mister B., che ha proposto l’Islam come religione ufficiale d’Europa, come se duemila lunghissimi anni di cattolicesimo non ci avessero già abbastanza spaccato i maroni.

Poi la questione processi… breve non si può fare ed allora si passa al lungo, un processo al viagra allo scopo di avvicinare il più possibile l’agognato traguardo della prescrizione per il sempre più giovane e bello Silvietto.

Poi la solita morte sospetta in carcere… questa volta in Francia.

Poi il nuovo sport… il pugilato in sala parto, per info vedere qui e qui.

Poi le minacce di morte alla “prostituta italianaCarla Bruni-Sarkosy da parte di un quotidiano fondamentalista iraniano Kayhan.

Per fortuna oggi è il primo settembre.

Accordo Italia-Libia

Gheddafi Jr. al Milan e Gennaro Gattuso all’Al-Ittihad.