Il rifiuto

Se incontro una bella ragazza e la prego: “Sii buona, vieni con me.” e lei mi passa davanti muta, con questo ella vuol dire:
“Tu non sei un duca dal nome alato, non sei un americano tarchiato dalla corporatura indiana, dagli occhi orizzontali, dalla pelle levigata dall’aria delle praterie e dei fiumi che le irrigano, non hai viaggiato verso i grandi laghi e sopra di essi, che si trovano non so dove. Perciò ti prego di dirmi, perché dovrei io, una bella ragazza venire con te?”.
“Tu dimentichi che nel vicolo non ti porta nessuna automobile molleggiante; non vedo i signori in abiti attillati che compongono il tuo seguito, mentre, mormorando benedizioni sopra di te, ti seguono in un semicerchio preciso; il tuo seno è ben raccolto nel tuo corpetto, ma le tue gambe e le tue anche si compensano di quelle austerità; tu indossi un vestito di taffettà pieghettato, come piaceva tanto nell’autunno scorso a noi tutti, eppure tu sorridi, con questa minaccia alla vita indosso, di quando in quando.”
“Si, abbiamo ragione entrambi, e per non rendercene irrefutabilmente conto, è meglio che ciascuno vada a casa solo.” di Franz Kafka

Re di bastonate

RACCONTO BREVE

Mi ha lasciato la ragazza… mi ha lasciato perchè ero sentimentalmente afono.
Non credo la bestemmia rappresenti un sentimento.
Nè tanto meno affogarsi di birra.
Fumare trenta sigarette al giorno forse si… sono nervoso ed incazzato… sono anche triste ed ogni tanto piango!
Tutte emozioni che non provavo da tempo e questo mi porta a fumare una sigaretta dietro l’altra!
L’amore invece c’è sempre stato ma si è fatto vivo solo adesso!