Pippe, Viagra e Apicella

La cosa che più mi inquieta della vicenda Ruby è che da domani per spararsi una sana e meritata pippa basterà recarsi dal nostro edicolante di fiducia e comprare una copia del “Corriere della Sera“… e non per nasconderci dentro l’ultimo numero di “Confessioni di una casalinga libidinosa”.

UPDATE1: altre storie piccanti da “La Stampa
UPDATE2: il “bunga bunga” in versione 3D
UPDATE3: le #gelminiquotes su Twitter.
UPDATE4: il ministro Gelmini a “Porta a Porta

Le mie #gelminiquotes:

  1. Per perseguitare Berlusconi vengono spesi soldi dei contribuenti che potrebbero essere usati per abolire il detto “Ogni promessa è debito”
  2. Per perseguitare Berlusconi vengono spesi soldi dei contribuenti che potrebbero essere usati per saldare il debito con Dio
  3. Per perseguitare Berlusconi vengono spesi soldi dei contribuenti che potrebbero essere usati per curare le vittime dei calci rotanti di Chuck Norris
  4. Per perseguitare Berlusconi vengono spesi soldi dei contribuenti che potrebbero essere usati per fare tutto quello che non fa MasterCard
Annunci

Dal vangelo secondo Gentilini

Ecco i passi salienti del discorso fatto dal mirabile vicesindaco della ridente città di Treviso Giancarlo Gentilini dal palco della festa della Lega Nord a Venezia il 14 settembre scorso:

“Popolo della Legaaaa La Lega si è svegliataaaaaa Le mura di Roma stanno crollando sotto i colpi di maglio della Lega. La mia parola è rivoluzione. Questo è il vangelo secondo Gentilini, il decalogo del primo sindaco sceriffo. Voglio la rivoluzione contro i clandestini. Voglio la rivoluzione contro i campi dei nomadi e degli zingari. Io ne ho distrutti due a Treviso. E adesso non ce n’è più neanche Uno Voglio eliminare i bambini che vanno a rubare agli anzianiiiiii Se Maroni ha detto tolleranza zero, io voglio la tolleranza doppio zero. Voglio la rivoluzione contro le televisione i giornali che infangano la Lega. Prenderò dei turaccioli per ficcarli in bocca e su per il culo a quei giornalisti. Non li voglio più vedere… Voglio la rivoluzione contro le prostitute. Anche loro devono pagare le tasse. Tutti pagano le tasse e devono pagarle anche le prostitute. Voglio la rivoluzione contro quelli che vogliono aprire le moschee e i centri islamici. Qui comprese le gerarchie eclesiastiche, che dicono: lasciamoli pregare. No Vanno a pregare nei desertiiiii Aprirò una fabbrica di tappeti per darglieli ma che vadano a pregare nel deserto. Bastaaaaaa Ho scritto anche al Papa: Islamici, che tornino nei loro paesi. Voglio la rivoluzione contro la magistratura. Ad applicare le leggi devono essere i giudici veneti.

Voglio la rivoluzione contro chi vuole dare la pensione agli anziani familiari delle badanti extracomunitarie. Sono denari nostriiiiii E io me li tengo. Questo è il vangelo di Gentilini: tutto a noi e se avanza qualcosa agli altri… Ma non avanzerà niente Voglio la rivoluzione contro i phone center i cui avventori si mettono a mangiare in piena notte e poi pisciano sui muri: che vadano a pisciare nelle loro moscheeeee Voglio la rivoluzione contro i veli e il burqa delle donne. Io voglio vedere le donne in viso, anche perché dietro il velo ci potrebbe essere un terrorista e avere un mitra in mezzo alle gambe. Che mostrino l’ombelico caso mai….

Ho scritto al presidente della Repubblica che bisogna dare un riconoscimento all’usciere di Ca’ Rezzonico che ha vietato l’ingresso alla donna islamica. Io voglio la rivoluzione contro chi dice che devo mangiarmi la spazzatura di Napoli. Io la prendo e la macino e poi se la devono mangiare loro perché sono loro che l’hanno prodotta Io non lo tollero…Io voglio la rivoluzione contro chi vorrebbe dare il voto agli extracomunitari. Non voglio vedere neri, marroni o grigi che insegnano ai nostri bambini. Cosa insegneranno, la civiltà del deserto? Il voto spetta solo a noi. Ho bisogno del popolo leghista.

Queste sono le parole del vangelo secondo Gentilini. Ho bisogno di voi. Statemi vicini. Non voglio vedere questa gente che gira di giorno e di notte. Un abbraccio a tutti, viva la Lega”.

Lo “sceriffo” Giancarlo Gentilini è ora indagato dalla Procura di Venezia per istigazione all’odio razziale.
Qui altre massime dell’illuminato beone.
Qui per mandarlo cordialmente a cacare.

Case chiuse a 5 stelle

Per il “Women’s Institute“, la più grande associazione di volontariato femminile inglese, il paradiso delle prostitute è in Nuova Zelanda.

Obiettivo dello studio: legalizzare la prostituzione nel Regno Unito in modo da proteggere le donne che praticano il mestiere più antico del mondo.

PS: l’ispezione è stata condotta da Jean e Shirley, due anziane signore inglesi armate di borsetta e bastone.
PPS: Il loro viaggio sarà trasmesso il 3 agosto da Channel 4.

Fonte: Corriere.it