Il caso umano Cusumano

cusumano-barbato-udeur-senato.jpg

“Sono sereno ma amareggiato… e’ stato un tradimento atroce. Io l’ho candidato che aveva il 416 bis (ovvero associazione per delinquere di tipo mafioso, ndr), dietro di me al Senato in Campania perchè l’Ulivo non lo voleva. E’ stato eletto con i voti dei campani tant’è che lui mi aveva detto che al di la’ della politica ci sarebbe sempre stata la gratitudine umana della persona”. Così Clemente Mastella parla della scelta di Nuccio Cusumano di votare la fiducia al governo Prodi.

Ma non finisce qui perchè Tommaso Barbato, anch’egli senatore dell’Udeur, al povero Nuccio prima urla “Pezzo di merda, pagliaccio, traditore, venduto” poi con le mani gli fa il segno della pistola e infine gli sputa in faccia.

Ricapitolando:
l’ex Guardasigilli Mastella, indagato per concussione, ammette seraficamente di aver candidato tra le fila del suo partito un presunto camorrista (Nuccio Cusumano) ed un senatore del suo stesso partito, il mite Barbato, “fa il segno della pistola” in Senato.
Fossi un camorrista comincerei a preoccuparmi della concorrenza dell’Udeur!

Intanto in Sicilia l’Assemblea regionale respinge con 53 no, un astenuto e 32 sì, la mozione di sfiducia del centrosinistra al governatore Totò Cuffaro, condannato a 5 anni per favoreggiamento.
E tra qualche mese torna Berlusconi
Andreotti invece è sempre lì!

Annunci

Chi non muore si rivede

berlusconi-forza-italia-torno-subito.jpg

Si sente già l’odore di Crescina. (Fonte Cesare Ragazzi)

Prodi in bilico

prodi-in-bilico.jpg

La sai l’ultima?

BARZELLETTE SULLA LETTERA G

Silvio Berlusconi
“Ho scoperto che cos’è il punto G delle donne… E’ l’ultima lettera di shopping”

Romano Prodi
“La Commissione d’inchiesta sui fatti del G8 di Genova è un impegno preso con il programma di Governo che non intendiamo disattendere”