Voto ergo vi punga una medusa

Mi raccomando, le chiappe sugli scogli sbucciatevele la prossima settimana… avete due mesi e mezzo di tempo. Oltretutto per i meteorologi rossi sarà un weekend di merda.

Annunci

Comunque non c’è solo il nucleare

Se la maggioranza si affretta ad approvare il decreto Omnibus allo scopo di eliminare lo scottante quesito “nucleare – si, no, boh, forse domenica piove” vuol dire che l’italiano ne sa abbastanza, che non vuole le centrali, che non le voleva vent’anni fa e che non lo vorrà tra due o più anni. In effetti Berlusconi lo aveva detto

la moratoria sul nucleare è una mossa per evitare il referendum.

Un centrosinistra lungimirante avrebbe immediatamente spostato l’attenzione sugli altri tre quesiti onde evitare la probabile emorragia di voti. Così non è stato e per settimane abbiamo pianto e battuto i piedi come bambini capricciosi dimenticandoci dell’acqua e del legittimo impedimento.

Siamo troppo avanti.

NB: Se i referendum non raggiungono il quorum la colpa è di Pisapia.

Corsi e ricorsi

Gli americani chiamati a scongiurare una nuova ecatombe nucleare in Giappone… dopo Hiroshima e Nagasaki.

Lucy in the SCAJ with OLA

Ex ministri in musica.

Qui il videoclip ufficiale

Acqua sulla luna e latte alle ginocchia

Le solite molecole di idrossile, il solito G quantisiamoastogiro, il solito lumacone, la solita querela, i soliti buoni propositi, il solito fuoco di paglia, la solita raccolta firme, le solite piogge intense, la solita controinformazione, i soliti processi infiniti, le solite morti bianche, le solite morti bianche ammantate d’eroico altruismo, le solite minacce, il solito vip che si redime, le solite tette.

Che barba, che noia… che noia, che barba.

Chi dice donna dice Sorbona

Le gaffe di Silvio il Calvo su Repubblica.it.

Claudio Scajola dixit

Sul nucleare
“Dopo tanti sacrifici, anni di lavoro e qualche vita umana si è costruito questa modernissima centrale dove tutto è controllato e tutto è sicuro”.

Se non spara una stronzata ogni tanto non è contento.

Su Biagi
“Non fatemi parlare. Figura centrale Biagi? Fatevi dire da Maroni se era una figura centrale: era un rompicoglioni che voleva il rinnovo del contratto di consulenza”.
Sul G8 di Genova
“Durante il G8, la notte del morto, fui costretto a dare ordine di sparare se avessero sfondato la zona rossa”.

Le dieci eresie verdi

La rivista americana Wired stravolge alcuni dogmi dell’ambientalismo e agitando lo spettro del problema ecologico più grave (il riscaldamento globale) invita a rileggerle in chiave critica:

  1. La vita in città è più “gentile” verso il pianeta rispetto alla vita in campagna.
  2. L’aria condizionata emette meno C02 rispetto ai termosifoni.
  3. L’agricoltura biologica fa più danni di quella tradizionale.
  4. Le foreste vergini possono contribuire al riscaldamento del pianeta, meglio costruire aziende agricole al loro interno.
  5. La Cina è al vertice delle soluzioni tecnologiche alternative
  6. Gli Ogm superefficienti potrebbero diminuire le emissioni di gas serra.
  7. Il commercio dei «crediti di carbonio»*, che consente ai Paesi più ricchi di inquinare di più grazie ad accordi con quelli che inquinano meno, sono stati una grande idea, ma non hanno funzionato.
  8. Le centrali nucleari sono la forma di energia su scala industriale più rispettosa del clima.
  9. È meglio acquistare un’auto usata che le nuove auto ibride.
  10. Piuttosto che insistere a combattere contro il mutamento climatico, ormai ineluttabile, è meglio prepararsi al peggio.

* I paesi che hanno firmato il protocollo di Kyoto del 1997, tra cui l’Italia, si sono impegnati a ridurre, nei prossimi anni, le emissioni di Co2 per diminuire l’effetto serra; le aziende che inquinano possono acquistare crediti dalle aziende più “pulite” che si fregiano di non produrre Co2.

Questo sporco mondo…

Per fortuna l’Iran ha 3.000 centrifughe!

questo-sporco-mondo-lavatrici.jpg