Grasso è grullo

Ecco perchè Giuliano Ferrara da un pò di tempo a questa parte straparla.

Annunci

194, non toccarla: mettici la pancia

Volti noti e meno noti, giovani e meno giovani, tutti testimonial (a gratis, ndr) della campagna “194, non toccarla: mettici la pancia” in difesa della legge sull’interruzione di gravidanza.

Secca la replica dell’antiabortista Giuliano Ferrara “Appena troverò una impresa di pittura all’altezza della mia pancia ricambierò con la stessa moneta”. (Fonte Rosanna Lambertucci).

legge-194-non-toccarla.jpg

Il mondo è bello perchè è vario

In Tibet è caccia all’uomo, in Italia è caccia alle streghe.

militari-in-tibet.jpg

Jogging elettorale

giuliano-ferrara-tuffo-barca.jpg

Uno così è già difficile immaginarlo correre, figuriamoci da solo!

Buon 1563

La richiesta di moratoria sull’aborto lanciata da Giuliano Ferrara, cavalcata da Forza Italia, solennizzata dal cardinale Camillo Ruini e abbeverata dalla senatrice Paola Binetti mi sembra (giudizio personale!) anacronistica e fuori luogo (come quel cappellino rosso e buffo che indossa quell’omino vestito di bianco che parla con quel simpatico accento tedesco!).
“La legge 194 è datata” dice la Paola Binetti, anche la Binetti è datata dico io. Rimembro alla vetusta senatrice e agli adepti di quella setta della quale non ricordo mai il nome (Cattolicesimo forse? o Scientology?) che gli aborti ci sono sempre stati e sempre ci saranno (ahinoi… e nessuno ha mai brindato dopo un aborto!); una legge che contribuisca a combattere l’aborto clandestino e che fornisca alle donne le tutele e gli aiuti per una maternità consapevole c’è solo da trentanni.

PS: nel 1563 termina il Concilio di Trento ed inizia la Controriforma. Lo so, sono ripetitivo anche nei link!