Rustichelle e pallottole

Sparare ad una macchina degustando una rustichella rovente nuoce gravemente alla salute di chi colpisci.

Annunci

Licenza di uccidere

E un pacchetto sicurezza che ci difenda dalla forze dell’ordine? Dopo la Diaz, Federico Aldrovandi, Gabriele Sandri e Riccardo Rasman ho un pò paura.

De sciò mas go omme

de-scio-mas-go-omme-pistola-pallone.jpg

La metereopatica gogna italica ha crocifisso “tutta” la polizia prima e “tutto” il tifo poi. La solita tattica del “dare la colpa a tutti per non darla, alla fine, a nessuno”. Sulla morte di Gabriele Sandri e sugli scontri seguiti alla sua uccisione si è detto e scritto molto, il più delle volte senza contare fino a dieci.
Gianni Mura invece lo ha fatto ed ha scritto questo:
Tra le tante immagini sui vari canali, una m’è rimasta più impressa. Un tifoso dell’Inter dei tanti davanti alla sede Rai, in corso Sempione, che grida a un poliziotto impassibile dietro lo scudo: “Ma che uomo sei, che spari in testa a un ragazzo?”. E m’è venuta in mente la storia del lupo e dell’agnello, dell’acqua del ruscello sporcata da chi stava a valle, e della frase del lupo: se non sei stato tu è stato tuo fratello, o tuo padre, o qualcuno dei tuoi. Uno si prende le colpe di tutti, se non c’è educazione emotiva, sia egli poliziotto, romeno, giornalista, zingaro o ultrà. Leggi tutto l’articolo

Ed ora concentriamoci sulla Nazionale perchè, come direbbe (e dirà) il buon Matarrese, “De sciò mas go omme”! Per i morti basta un minuto di silenzio ed un lutto al braccio.