Comunisti del menga

Siamo dei comunisti del menga.

La Cei dice di essere contro il processo breve e subito Stampa, Repubblica, Corriere della Sera e Unità titolano  “Anche la Cei è contro il processo breve” come se la Confraternita Episcopale fosse un giudice super partes… ma sono gli stessi che da anni fanno votare Berlusconi & C. allo scopo di salvaguardare interessi e privilegi (vedi Ici, ndr), gli stessi che brucerebbero gay e lesbiche… gli stessi che riciclano denaro sporco attraverso holding unte dal Signore.

Poi succede che Report, fino a ieri vangelo di noi comunisti del menga, critichi l’approccio individualista, narciso e autolesionista degli utenti dei social networks (specie i facebookiani che promuovendo vizi e virtù diventano inconsapevolmente banche dati internazionali), ed ecco scatenarsi la rivolta online contro la Gabanelli definita “snob” e “generalista”.

Poi la Sabina Guzzanti che parla male dei promotori finanziari e delle rendite poco tassate e poi si fa infinocchiare da un promotore finanziario che promette ottime rendite poco tassate.

Poi Beppe Grillo che parla di energia pulita e sverna su uno yacht che inquina più di un quartiere di Milano.

Poi Italia dei Valori, Partito Democratico e Vendoliani che parlano come Nostradamus e quando ci prendono è solo per culo o calcolo delle probabilità.

Non sarà il caso di votare da subito gente come Domenico “Munnizza” Scilipoti… tanto per non alimentare false speranze.

Annunci

Biancaneve e i sette colli

Domenico “Ue Ue” Scilipoti ha perso la testa ma nessuno ha notato la differenza… il culo si è dimostrato all’altezza. (Fonte La sua Ultima Colonscopia)

Berlusconi dichiaraAltri otto con me“. Biancaneve come la Polidori? Già aperto un gruppo su Facebook contro la transfuga protagonista dell’omonimo cartone animato. (Fonte Walt Disney)

Perchè il venerdì 17  fa così paura? Perche anagrammato diventa “La Russa“. (Fonte L’Almanacco del Giorno Dopo)

Il Papa:  “Cristiani i piu’ perseguitati“. Effettivamente la legge contro la pedofilia è una sorta di accanimento giudiziario… le solite toghe rosse (e laiche). (Fonte Battesimale)

Movimento di responsabilità nazionale!?

Il One Man Party di Tonino rischia di perdere il gruppo parlamentare alla Camera… colpa dei fuoriusciti… è una tradizione molto dipietrista perdere pezzi in corsa, ricordate Sergio De Gregorio?

Non è un buon momento per l’IdV. La discesa in campo di Beppe Grillo e l’esplosione di Nichi Vendola hanno spezzettato il bacino di voti, la rivolta di Gianfranco Fini ha sottratto al buon Tonino il monopolio dell’antiberlusconismo, Domenico Scilipoti gli ha rubato la logopedista.

Per fortuna c’è il PD, che è bravissimo a costruire bacini ma dimentica spesso la canna da pesca.

UPDATE: tre voti tre… tre tipo questi.