Ich Libia dich

Da anni mi si rimprovera l’anomala fede milanista nonostante la data della mia calcistica conversione preceda di quasi un decennio la discesa in campo del fondotinto.

  • “Come fai a tenere per la squadra di un mafioso?”
  • “Come fai a tifare per la squadra di un ladro?”
  • “Come fai ad esultare per un goal di una squadra di un pedofilo?”

Boh, me lo chiedo anch’io… sarà che la fede è fede, è illogica?!
Lo sanno bene i cattolici che (se fossero persone razionali, ndr) dovrebbero bruciare seduta stante San Pietro.

Ma oggi ho anch’io una domandina da porre ai milioni di estimatori della vecchia signora:

  • “Come fate a tifare per una squadra controllata all’8% dalla famiglia di uno che ha eliminato 10.000 persone in una settimana?”

PERLAPRECISIONE: La famiglia Gheddafi è proprietaria anche dell’8% di Unicredit, la banca che controlla l’AS Roma.

Annunci

Viva l’Italia, l’Italia eliminata

Sarà probabilmente uno degli ultimi processi eccellenti in terra italica, quello a Marcello Lippi… a meno che non lo facciano Ministro.

Guerriglia separatista calabrese

Anche gli immigrati di Rosarno dovevano partecipare alla prossima edizione della Coppa d’Africa ma li hanno aggrediti prima della partenza.

PS: il punto di vista di Roberto Saviano

Nicola Legrottaglie dixit

OMOSESSUALITA’
Oggi l’omosessualità viene vista come una moda, una maniera come tante di essere contro. Nella Bibbia c’è scritto chiaro e tondo che, sia quella maschile che quella femminile, è un peccato.

EUTANASIA
Siccome, per molti, staccare la spina a un essere umano ancora vivo è un passo avanti, e io sono contrario allora quello strano sono io.

ABORTO
Siccome, per molti, che una donna abortisca è un segno del progresso, e per me invece è un grave atto contro la vita, allora quello strano resto sempre io.

RELIGIONI
Sul possibile trasferimento alla squadra turca del Besiktas.
Ero consapevole che l’ambiente turco avrebbe potuto essere ostile alla mia crescita spirituale.
Così, nonostante la fiducia nei piani imperscrutabili del Signore Dio, una domanda mi assillava: Signore, ma perché proprio dai musulmani mi vuoi mandare?
Alla fine saltò tutto, per questioni burocratiche:
Dio stava lavorando per me.

Fonte La Stampa.it

Massimo Moratti vs Lega Nord

La proposta della Lega Nord di bloccare i flussi di immigrati per due anni rischia di condizionare pesantemente le future campagne acquisti dell’Internazionale […] Questa è la dimostrazione che calciopoli non è affatto finita“. (Fonte Milan Ciannel)

Discesa sul fascio… calcio e ventennio

A furia di colpire la palla di testa il cervello si fotte.

Il Milan 2

I Casalesi volevano comprare la SS Lazio.

God save the Queens Park Rangers

Tiriamo le somme dopo la sconfitta della devota Italia contro la miscredente Spagna:

  1. Se esiste un Dio di certo non segue il calcio.
  2. Silvio Berlusconi porta un pò sfiga.

De sciò mas go omme

de-scio-mas-go-omme-pistola-pallone.jpg

La metereopatica gogna italica ha crocifisso “tutta” la polizia prima e “tutto” il tifo poi. La solita tattica del “dare la colpa a tutti per non darla, alla fine, a nessuno”. Sulla morte di Gabriele Sandri e sugli scontri seguiti alla sua uccisione si è detto e scritto molto, il più delle volte senza contare fino a dieci.
Gianni Mura invece lo ha fatto ed ha scritto questo:
Tra le tante immagini sui vari canali, una m’è rimasta più impressa. Un tifoso dell’Inter dei tanti davanti alla sede Rai, in corso Sempione, che grida a un poliziotto impassibile dietro lo scudo: “Ma che uomo sei, che spari in testa a un ragazzo?”. E m’è venuta in mente la storia del lupo e dell’agnello, dell’acqua del ruscello sporcata da chi stava a valle, e della frase del lupo: se non sei stato tu è stato tuo fratello, o tuo padre, o qualcuno dei tuoi. Uno si prende le colpe di tutti, se non c’è educazione emotiva, sia egli poliziotto, romeno, giornalista, zingaro o ultrà. Leggi tutto l’articolo

Ed ora concentriamoci sulla Nazionale perchè, come direbbe (e dirà) il buon Matarrese, “De sciò mas go omme”! Per i morti basta un minuto di silenzio ed un lutto al braccio.