Controabortisca o sparo!

Cosa avrebbero fatto i sette agenti di polizia se in quell’ospedale di Napoli fossero arrivati durante l’operazione e non subito dopo? Avrebbero rimesso il feto dentro la donna? “Fermi tutti, in nome della legge: controabortisca o sparo!”.

Se lo chiede il giornalista de “La Repubblica” Francesco Merlo commentando l’irruzione “immotivata” degli agenti del Commissariato Arenella, in una sala parto del Nuovo Policlinico di Napoli, dopo aver ricevuto una “segnalazione” di feticidio.
Era invece un aborto terapeutico nel pieno rispetto della legge 194.
“Il feto presentava un’alterazione cromosomica. Se la gravidanza fosse stata portata a termine ci sarebbe stato il 40% di possibilità di un deficit mentale”.
Qui la cronaca del blitz, qui l’intervista alla donna, qui l’articolo di Merlo.

PS: il feto è stato sequestrato dagli agenti su disposizione del pm.