Scherza coi fanti ma lascia stare i santi

“Da oggi la strada per ascendere agli onori degli altari sarà più faticosa”
L’ha detto Supercar Ratzinger che sta per varare nuove norme “per meglio disciplinare, con più rigore e maggiore sobrietà, la fase diocesana dei processi di beatificazioni e canonizzazioni”.
Dieci regole ferree alle quali vescovi e postulatori dovranno attenersi pena niente pizza il sabato sera:

  1. Il beato doveva credere in Dio
  2. Il beato doveva aver letto nella vita almeno tre pagine della Bibbia, un articolo di fondo de “L’Osservatore Romano” e doveva consultare quotidianamente Conservapedia 
  3. Il beato doveva votare DC/UdC/Margherita preferenza Paola Binetti
  4. Il beato doveva avere memorizzato Radio Maria sul canale uno della propria autoradio
  5. Il beato doveva amare i bambini
  6. Il beato doveva odiare i comunisti
  7. Il beato non doveva aver desiderato la donna d’altri
  8. Il beato non doveva aver partecipato al Festival di Sanremo
  9. Il beato non doveva avere avuto figli fuori dal matrimonio
  10. Il beato non doveva essere bigamo/trigamo e multipli di tre
Annunci

12 pensieri su “Scherza coi fanti ma lascia stare i santi

  1. @ Barabba
    ti devo un caffè… corretto
    @ Jean Lafitte
    Padre, figlio o spirito santo (per restare in tema)?
    @ Manu
    Ho ventotto anni ed i più mi considerano “sentimentalmente afono”. Rischieresti di odiarmi tutta la vita!

  2. Pingback: Un sorriso lungo un anno « Negroski - Vuoti a rendere ed altri rifiuti solidi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...