Senti da che pulpito…

“La globalizzazione non porta ordine ma egoismo”

Lo ha detto Supercar Ratzinger celebrando stamane la messa per l’Epifania.
Lo ha detto il vescovo della romana chiesa, quella romana chiesa che per secoli ha diffuso il verbo con spade, cannoni e tribunali speciali.
Lo ha detto il rappresentante di Dio in terra, di quel Dio che (per vergogna forse?) si è “fatto vivo” solo per interposta persona.
Lo ha detto il sommo pontefice della chiesa universale, di quella chiesa universale progenitrice della globalizzazione.

PS: tanto basta una preghiera e si sistema tutto!

Annunci

16 pensieri su “Senti da che pulpito…

  1. Pingback: A-ha » Blog Archive » Senti da che pulpito…

  2. Ciao Negroski, se nessuno lo aveva già fatto prima, ho provveduto a nominarti nella catena di bloggers che si leggono e si piacciono.
    È un gioco del kaiser ma lo faccio volentieri. Sono stato nominato da Linea Gotica e ho aderito all’iniziativa nominando pure te.
    Per i chiarimenti, passa a trovarmi.

  3. Pingback: Benny Hill alla Sapienza « Negroski - Vuoti a rendere ed altri rifiuti solidi

  4. Chi di noi non ha vissuto il “perdono” nella propria vita?
    Non parlo del perdono concesso, argomento ostico, ma di quello ricevuto: dalla mamma dopo una marachella quando si era bambini, dall’amico/amica che involontariamente abbiamo ferito, dall’amore che non abbiamo rispettato, e così via, ognuno con la propria esperienza.
    Riusciamo a figurarci il perdono ricevuto?
    Adesso, mi rendo conto che non è facile liberarsi dal pregiudizio ideologico, ma vorrei considerassimo che prima di adesso la Chiesa “dava” il perdono, mica aveva bisogno di riceverlo…
    Ebbene, con l’aiuto della Madonna da lui stesso invocata, con intelligenza e con amore, il buon Giovanni Paolo II ha chiesto il perdono per colpe non sue ma della Chiesa nella sua interezza (ricordo che i “togati” sono una parte assolutamente minoritaria della Chiesa, laddove i laici ne costituiscono la parte preponderante).
    Ora, come mai le popolazioni che hanno subito le vessazioni da parte della Chiesa (cfr. Riverinflood, Favella) quì vituperata Le hanno donato il loro perdono, mentre chi scrive su queste pagine non lo fa, pur non avendo certamente subito lo stesso torto dalla Chiesa?
    In ultimo, pregherei chi ha usato la sfortunata proposizione incidentale tra parentesi rotonde nella notizia di apertura, cito: “(per vergogna forse?)” di non riversare la propria disperazione su tutti i potenziali destinatari di questo sito. Orbene, non ti è data facoltà di nascondere deliberatamente che Dio si è ben manifestato e si manifesta ogni momento in prima persona, a tutti coloro che lo desiderano.
    Non commettere un errore banale: documentati ampiamente prima di chiudere così la questione.
    Auguri, comunque, per una maggiore apertura di cuore e mente a tutti quelli che, pur non avendo mai vissuto alcuna delle colpe che imputano alla Chiesa, ne disprezzano l’azione proprio quando essa cerca di porvi rimedio.
    Chissà, dopo queste parole, se potremo parlare di “globalizzazione”, concetto utilizzato in aprtura solo per esprimere ingiurie ai danni del Pontefice.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...